RSS

Spaghetti pomodoro e basilico

Salve a tutti,oggi vi presento la ricetta degli Spaghetti pomodoro e basilico.
Le origini degli spaghetti sono incerte mettendo così diversi paesi in prima fila nella paternità degli stessi. Tra questi vi sono l'Italia, la Cina e l'Arabia. La leggenda vuole che gli spaghetti siano stati introdotti dal viaggiatore Marco Polo di ritorno dalla Cina nel 1295. Proprio nel paese orientale, nel 2005, fu scoperto in uno scavo archeologico, un villaggio cinese del neolitico (di circa quattromila anni fa) nel quale si è conservato un piatto di spaghetti risalente a quell'epoca. Il ritrovamento, dunque, assegnerebbe definitivamente la paternità degli spaghetti alla Cina.
Sebbene il ritrovamento pone fine alla questione, la cultura degli spaghetti ha indotto anche altri paesi, come l'Italia, ad attribuirsi la reale paternità. Nella descrizione della Sicilia tramandataci da Idrisi al tempo di Ruggero II di Sicilia nel suo Libro di Ruggero si fa chiaramente menzione di Vermicelli, cibo di farina in forma di fili prodotti nel villaggio di Trabia vicino Palermo. Poiché Idrisi scrive nel 1154 questa testimonianza sarebbe anteriore di ben più di un secolo al ritorno di Marco Polo. Da notare che ancor oggi a Palermo sono diffusi i vermicelli di Tria. Altro luogo che ne rivendica la paternità è Napoli, secondo cui sebbene la prima pastasciutta fu un'invenzione araba, per la particolare produzione di spaghetti, intesi come fili sottilissimi di pasta essiccati, l'invenzione avvenne già prima del 1200 in città. Questi, venivano cucinati al dente e mangiati al momento opportuno. Infine, solo successivamente vi fu l'esportazione a Genova prima e Palermo poi degli spaghetti. Per quel che riguarda gli spaghetti al sugo, tra i piatti più comuni nella cucina italiana, la prima testimonianza che certifica l'esistenza del piatto è data da un presepe napoletano degli inizi del settecento conservato nella Reggia di Caserta, nel quale due contadini arrotolano attorno alla forchetta i primi spaghetti colorati di rosso.
Per fare gli spaghetti usate la farina antigrumi della ditta "Il Molino Chiavazza".

Ingredienti:

  • 350 g di spaghetti
  • 4 pomodori
  • olio extravergine d'oliva
  • 2 o 3 spicchi d'aglio
  • foglie di basilico
  • sale e pepe.
Tempo di preparazione:
10 minuti. Tempo di cottura: 10 minuti.

Preparazione:
I pomodori, ben maturi e sodi, devono essere pelati, privati dei semi e tagliati a filetti (per pelare facilmente e perfettamente i pomodori basta tuffarli un mezzo minuto in acqua in ebollizione e subito dopo in acqua fredda. Perché non si impregnino d'acqua è consigliabile togliere il picciolo solo al momento di pelarli).
Quindi si fanno imbiondire 2 o 3 spicchi d'aglio in una padella con l'olio, si aggiungono i pomodori, foglie di basilico spezzettate, sale e pepe e si lascia cuocere, a fuoco vivace, per non più di dieci minuti: solo il tempo di far evaporare parte dell'acqua di vegetazione.
La pasta così condita non richiede aggiunte di formaggio ma solo altro basilico fresco.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

1 commenti:

rosy ha detto...

Come li faccio io...
Piatto veloce è buono.
Ciao

Posta un commento